TAHIRIH...sito ufficiale

Febbraio 2017 Campione di emancipazione femminile celebrato

02 2017

La statua di una donna liberata che si trova nel centro di Baku ritrae una donna che si toglie il velo e si dice che sia stata influenzata dalla storia di Tahirih.

BAKU, Azerbaigian - La storia di Tahirih, un'eroina bahá'í nata dalle radici azere, è stata a lungo un simbolo di ispirazione nel paese dell'Azerbaijan. Era uno dei campioni preminenti dell'uguaglianza di donne e uomini nel diciannovesimo secolo.

Il 25 gennaio, il Museo Nazionale di Storia dell'Azerbaigian ha tenuto una celebrazione dell'educazione delle donne nei secoli XIX e XX in cui è stata riconosciuta la dedizione e il contributo di Tahirih al progresso delle donne.

"Tahirih è tenuta in grande considerazione; non solo è rinomata nella Fede Bahá'í, ma anche conosciuta e rispettata in tutto l'Oriente ", ha spiegato Azer Jafarov, professore alla Baku State University.

"Ha influenzato la letteratura moderna, ha sollevato la richiesta per l'emancipazione delle donne e ha avuto un profondo impatto sulla coscienza pubblica.

"L'adempimento della visione di emancipazione di Tahirih ha trovato maggiore espressione nel tempo", continua il dott. Jafarov. "È l'ascesa di un sole che porta all'illuminazione del cuore umano".

Un libro recentemente pubblicato sulla vita e le opere di Tahirih è stato presentato alla conferenza da Salahaddin Ayyubov, un rappresentante della comunità bahá'í.

La presentazione ha evidenziato l'impatto di Tahirih sul progresso delle donne. All'evento hanno anche partecipato i suoi contributi alla poesia, per la quale è ben nota.

008

"Tahirih è una grande personalità a cui gli scrittori cristiani, atei e musulmani hanno tutti reso omaggio. La sua lungimirante visione della realtà mette in luce le aspirazioni di tutti coloro che desiderano la pace e l'armonia ", ha detto Ali Farhadov, ricercatore del Museo Nazionale di Storia dell'Azerbaijan.

Immagini Il Museo Nazionale di Storia dell'Azerbaijan ha celebrato l'educazione delle donne nei secoli XIX e XX in cui è stata riconosciuta la dedizione e il contributo di Tahirih alla promozione delle donne. (Vedi sopra)

“Oggi, non solo le donne dell'Est, ma l'intero pianeta deve imparare dal suo carattere e dalla sua vita, che è l'incarnazione della libertà di pensiero, l'emancipazione delle donne e l'atteggiamento di ricerca indipendente della verità."

Si dice che una statua nel centro di Baku di una donna che ha messo da parte il suo velo sia stata influenzata dalla storia di Tahirih. Il monumento, noto come "la statua di una donna liberata", fu costruito nel 1960 dallo scultore Fuad Abdurrahmanov.

009 010 011 012

 

013

Fuad Hasan oglu Abdurahmanov (Azero: Fuad Həsən oğlu Əbdürəhmanov, 11 maggio 1915, Nukha (Sheki), Azerbaijan, Impero russo - 15 giugno 1971, Baku, Azerbaijan SSR, USSR) era un famoso scultore di monumenti azerbaigiani. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti, tra cui: Honored Worker of Arts dell'Azerbaijan SSR (1943), People's Artist of the Azerbaigian SSR (1955), il primo Azerbaijan a diventare un membro corrispondente dell'Academy of Arts dell'URSS (1949), e Laureato dello State Stalin Prize due volte (1947, 1951).

La famiglia  Abdurahmanovs.

Biografia

Fuad Abdurahmanov è nato l'11 maggio 1915 a Nukha (Sheki). Era nato nella famiglia di Hasan Jafar oglu Abdurahmanov, un funzionario locale.

Nel 1929, la famiglia di Abdurahmanov si trasferì a Yevlakh e in seguito si trasferì a Baku. A Baku, la famiglia del futuro scultore affittò un appartamento di due stanze a Icheri Sheher, in via Mammadyarov. Il 1929 divenne un anno importante per Fuad. Questo è stato l'anno in cui è entrato alla Scuola di pittura di Baku. Dopo aver iniziato i suoi studi a Baku, studiò successivamente all'Academy of Arts di San Pietroburgo (1935-1940) presso Matvey Genrikhovich Manizer.

Nel 1934, la composizione dodicenne di Fuad Abdurahmanov, Shot, è stata esposta in una mostra dedicata al 100 ° anniversario del poeta Ferdowsi. In seguito divenne una mostra permanente nel Museo di Arte statale dell'Azerbaijan, dal nome di Rustam Mustafayev. Nel 1938, Fuad Abdurahmanov iniziò a lavorare sulla statua di Fuzul, aprendo un pantheon di eminenti poeti e scrittori azeri fondati sulla loggia del Museo Nizami a Baku. Un concorso per il miglior ritratto e monumento pittorico di Nizami Ganjavi dichiarato in connessione con l'800 ° anniversario ha avuto una grande importanza alla fine degli anni '30.

Come risultato del concorso, il progetto è stato assegnato a Fuad Abdurahmanov e agli architetti Sadig Dadashov e Mikayil Huseynov.

Nel 1947, fu insignito per la prima volta della sua vita del premio statale USSR-Stalin. Nel 1949, un monumento a Nizami fu eretto a Baku. Questo monumento è "cultuale" non solo nella creatività di Abdurahmanov, ma ha anche avuto una grande influenza sullo sviluppo futuro dell'arte monumentale dell'Azerbaigian. Sia il monumento che il piedistallo avevano proporzioni di successo di 1: 1,5, definendo l'aspetto architettonico di una delle migliori piazze di Baku. Gli interessi creativi dello scultore erano multi-laterali, che possono essere visti nelle sue opere successive - immagini di Huseynbala Aliyev, Khidir Mustafayev (eroi dell'URSS, poeta Samad Vurgun, compositori Uzeyir Hajibeyov e Asaf Zeynally, ritratti storici di Koroghlu, Javanshir, Babek). È stato premiato (con Tokay Mammadov e Omar Eldarov) sul concorso di un monumento ad Avicenna per la città di Bukhara. Fuad Abdurahmanov è il primo azero che divenne il membro corrispondente dell'Accademia delle arti dell'URSS. Fu uno dei primi scultori dell'Azerbaigian a lavorare con materiali duri.

Risultati creativi

014

Targa su edificio in cui lo scultore azero Fuad Abdurahmanov viveva a Baku, in Azerbaigian

Ha creato monumenti a Nizami a Ganja (Stalin State Prize, 1947) e Baku (1949), composizioni "Sattar Bahlulzade", "Rustam Mustafayev" (1947), monumento "Azad Gadin" (Libera donna), monumento a Mehdi Huseynzade a Baku , busti monumentali di Choibalsan e Sukhbaatar (marmo, 1954, tomba a Ulan Bator), monumenti del poeta Samad Vurghun a Baku (1961), al poeta Rudaki a Dushanbe (Medaglia d'oro dell'Accademia delle arti dell'URSS, 1964), statue "Liberazione" (Baku, 1960), "Chaban" (gesso, Stalin State Prize, 1951, bronzo, 1951, Galleria Tretyakov). Ha realizzato un busto di ritratto di V.I.Lenin (marmo, 1955, Museo statale di storia dell'Azerbaijan, Baku) e altri.

Le sue opere si distinguono per la loro ricchezza e diversità di tendenze creative. Abdurahmanov ha iniziato il suo sviluppo creativo nel genere dei ritratti, realizzando ritratti di artisti culturali dell'Azerbaigian. Il suo primo monumento monumentale-monumento a Fuzuli è stato messo sul balcone del Museo di letteratura statale dell'Azerbaigian. Fuad Abdurahmanov è l'autore di molti monumenti che decorano strade e piazze di Baku-Nizami-Samed Vurghun, Mehdi Huseynzade, "Per donna emancipata" e la pietra tombale del generale Hazi Aslanov Abdurahmanov ha dato un grande contributo alla formazione e allo sviluppo di Placidi monumentali e cavallereschi dell'Azerbaijan Secondo uno dei principali critici d'arte dell'Azerbaijan, Jamila Novruzova, Fuad Abdurakhmanov è il fondatore della scultura monumentale in Azerbaijan. Dopo che Fuad Abdurahmanov è stato nominato le strade di Baku e Sheki, sono state collocate lastre commemorative su edifici in cui lo scultore visse e anche una scuola di Sheki prese il suo nome. 

Premi

  • • Stalin State Prize of the second degree (1947) - per il monumento a Nizami a Ganja (1946);
  • • Stalin State Prize di terzo grado (1951) - per la scultura "Chaban";
  • • Medaglia d'oro dell'Accademia delle arti dell'URSS (1966);
  • • Titolare di due ordini del Badge of Honor (1949, 1960).

Da Wikimedia

015

016

Persecuzioni in Iran della comunità Baha’i oggi (2018)  - Continua quello che succedeva al tempo di Tahirih.
Illustre compositore getta luce sulle poesie dei prigionieri

OSLO, Norvegia - In un recente festival musicale internazionale, una composizione si è distinta in particolare per il suo ritratto di fede e trasformazione spirituale sotto grande oppressione.

Il famoso compositrice norvegese Lasse Thoresen è stato ispirato dalla poesia di Mahvash Sabet, una baha'i imprigionata in Iran per la sua fede. La sua composizione musicale, Prison Poems, condivide il titolo del volume della poesia della signora Sabet, adattato in inglese dal persiano.

Per il signor Thoresen, ciò che lo ha ispirato di più delle poesie è la storia della trasformazione prodotta attraverso la sofferenza e il potenziale dello spirito umano di trascendere le condizioni esterne e incontrare l'odio con l'amore.

"Mahvash Sabet è stata tenuta in prigione in condizioni terribili per quasi dieci anni, ha subito torture e abusi", ha detto il signor Thoresen. "Spesso pensiamo a coloro che sono sottoposti a trattamenti come le vittime, ma nella poesia di Mahvash Sabet non c'è nulla che indichi che si considera una vittima".

"Abbiamo a che fare con risorse spirituali che si sviluppano prima in situazioni critiche", ha continuato. "Seguiremo Mahvash Sabet nel suo viaggio nell'oscurità e nella sofferenza della prigione, attraverso la distruzione della sua identità e infine la sua ascesa in uno stato di amore luminoso."

IN PROFONDITÀ: ascolta gli estratti di Prison Poems e un'intervista con il compositore

Lasse Thoresen parla dei suoi sforzi, ispirati dalla poesia di Mahvash Sabet, per catturare sia i suoni aspri e strazianti della prigionia che la bellezza dell'umanità e della grazia, anche nelle condizioni più difficili. Inoltre sono presenti due estratti della sua composizione, che evidenziano le poesie "Da Evin a Raja'i Shahr", “Prostration”.

017